martedì 24 febbraio 2009

Addolcitore d'acqua lowcost per la macchina del pane



Tra i principali fattori inibenti il processo di lievitazione possiamo includere la presenza massiccia di cloro e di sali di calcio e magnesio disciolti nell'acqua di rubinetto usata per l'impasto. 

Questi ultimi determinano la cosiddetta "durezza" dell'acqua che non è altro che la quantità di carbonato di calcio (CaCO3) disciolto in un litro d'acqua.

La durezza viene comunemente espressa utilizzando la scala francese (1°f= 10mg di CaCO3).

Durezze superiori a 15-20°f (corrispondenti a 150-200mg di CaCO3 per litro) possono ostacolare il processo di lievitazione degli impasti diminuendo l'efficacia del saccaromicete.

Se non conoscete la durezza dell'acqua che utilizzate potete dedurla dalla quantità di residui bianchi di carbonato di calcio che rimangono in bell'evidenza sul lavello d'acciaio dopo il lavaggio delle stoviglie. Chi volesse conoscere con maggior scientificità la durezza dell'acqua corrente può misurarla con economiche strip tipo AQUADUR@.

Una volta determinato che l'acqua corrente ha un grado di durezza medio-alto è possibile costruirsi un semplice addolcitore con una spesa irrisoria utilizzando un filtro come il MAXTRA Brita (6 euro) e una confezione di tetrapak da 2 litri come quella di un succo d'arancia.

La costruzione dell'addolcitore è autoesplicativa: basta ricavare un foro superiore nel tetrapak in modo da poter incastrare il filtro MAXTRA. Occorre poi liberare con un tronchesino il foro centrale del filtro nel quale entrerà l'acqua di rubinetto da addolcire.

Il vostro addolcitore è pronto all'uso, basta porlo sotto il rubinetto regolando il flusso dell'acqua al minimo (l'acqua deve entrare dal foro centrale del filtro senza tracimare). Se il filtro MAXTRA è nuovo occorre gettare i primi 5-6 litri di acqua filtrata, dopodichè potete iniziare a produrre acqua addolcita per i vostri impasti. Occorrono pochi minuti per filtrare 2 litri d'acqua.

Se l'acqua prodotta è di vostro gusto potete travasarla in una bottiglia che riporrete in frigorifero per l'uso quotidiano. Con questo semplice sistema si possono produrre almeno 100 litri di acqua filtrata dopodichè il filtro sarà da sostituire. 

microguru

1 commento:

Antonio ha detto...

complimenti per un altro post molto interessante!! continui cosi'!!